Home » Blog » Il Judo nel Dojo » Il Judo nel Dojo – I Fondamenti, il Metodo

Il Judo nel Dojo – I Fondamenti, il Metodo

Trascrizione video

La pratica del Judo come metodo di Educazione Fisica, nei suoi fondamenti, comprende l’acquisizione delle abilità del corpo, questa parte del Judo è lo studio delle tecniche i cosiddetti WAZA ed è importante iniziare con le posizioni gli SHISEI per poi passare all’apprendimento degli spostamenti i cosiddetti TAI SABAKI.

L’argomento successivo ha riguardato l’applicazione delle tecniche di caduta, abbiamo poi usato le tecniche più conosciute tra esse gli ASHI WAZA (Tecniche di gamba).

Sono state utilizzate tecniche come O SOTO GARI, O SOTO OTOSHI, OKURI ASHI HARAI, TSUBAME GAESHI, UCHI MATA, inoltre si è sottolineato il principio “WA” che sta per armonia, nel Judo e in ogni gesto tecnico, tutto il corpo deve muoversi in modo armonico affinché si rispetti il principio di massima efficacia con il minimo sforzo.

Loading...

Tra le tecniche di anca i KOSHI WAZA, abbiamo utilizzato O GOSHI, TSURIKOMI GOSHI  SODE TSURIKOMI GOSHI, UTSURI GOSHI.

Un tema interessante ha riguardato le tecniche di difesa, BOGYO NO WAZA, i principi su cui esse si basano, sono fondamentalmente tre, il primo è GO che vuol dire bloccare, il secondo è CHOWA che consiste nell’evitare anticipando, il terzo è YAWARA che vuol dire cedere nella direzione dell’attacco di TORI.

Siamo poi passati alla metodologia relativa a le tecniche di combinazione i cosiddetti RENRAKU WAZA e poi abbiamo anche approfondito le tecniche di contrattacco i KAESHI WAZA.

È stato poi affrontato il tema KATA, questo è un esercizio di forma preordinato che mette in evidenza i principi di azione, tuttavia sia TORI che UKE sanno perfettamente che non si tratta di dimostrare le tecniche nell’ordine stabilito: ma di studiare, approfondire e dimostrare il principio che sottende l’azione stessa.

Loading...

Abbiamo poi sottolineato la relazione che esiste tra il RANDORI e il KATA, in modo tale che il secondo completa e riequilibra l’esercizio principale e cioè il RANDORI.

Su questo argomento si è cercato di capire il lato positivo per ottenere quella complementarietà che il KATA nella sua specifica funzione unito al RANDORI, rende il Judo un ottimo metodo di Educazione Fisica.

Una parte del lavoro svolto ha riguardato gli esercizi preparatori al RANDORI, a partire dal TANDOKU RENSHU al SOTAI RENSHU, UCHIKOMI  NAGE KOMI, YAKUSOKU GEIKO KAKARI GEIKO e infine al RANDORI da utilizzare come esercizio libero.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.